UN MUSEO GRANDE COME IL MONDO AL CONVEGNO DI PIACENZA 21-23 OTTOBRE 2016

E’ stata proprio una bella esperienza partecipare al XIX convegno nazionale dei Centri interculturali: “VIVERE INSIEME IN PARI DIGNITA’, le sfide del presente, le pratiche e i luoghi della con-cittadinanza”, organizzato a Piacenza 21-23 ottobre 2016.

La presentazione del nostro progetto, UN MUSEO GRANDE COME IL MONDO,  è stata richiesta dalla d.ssa Graziella Favaro,  direttore  della rivista:  “Sesamo. Didattica interculturale” nonchè “mente” del Convegno, che ci ha conosciuto attraverso il nostro blog. Molto calorosa è stata l’accoglienza da parte degli organizzatori del Comune di Piacenza e siamo state “estasiate” dalla ottima cena etnica offerta nella stupenda Galleria di Arte Moderna Ricci Oddi.  E’ molto emozionante mangiare couscous tra le opere di Giovanni Boldini e Medardo Rosso!!!

Il nostro intervento è stato inserito nella sessione 3, dal titolo:  Vivere insieme nei luoghi e nella città di tutti. Come fare in modo che bambini, adolescenti, adulti sentano e vivano il territorio e la città come bene comune e di tutti? Nella sessione vengono presentati progetti e proposte che vanno nella direzione della partecipazione e della cittadinanza attiva e dello scambio interculturale positivo ed efficace.

Introduce: Massimo Conte – Codici Ricerche e Intervento, Milano 
Coordina: Laura Vento, Centro Interculturale di Torino
Comunicazioni ed esperienze:
Andrea Facchini, Regione Emilia Romagna, Investire nella diversità: il progetto della rete regionale dei Centri Interculturali
Antonella Nanni e Valentina Rettore, associazione Arcadia e scuola primaria Salvo d’Acquisto di Padova, Un museo grande come il  mondo. Scoprire le differenze a partire dagli oggetti di qui e d’altrove
Milena Angius e Annita Veneri, Associazione BVA, Milano, Le parole della cittadinanza:
accoglienza, riconoscimento, diritti
Karima Ben Salah, Centro Interculturale di Torino, Torino è casa mia: passeggiate interculturali
Chiara Castignoli, Centro Belleville Piacenza, Radici e ali: Spazio Belleville, luogo di incontro tra
età e culture per una città plurale
Antonella Arioli, università Cattolica e CPIA di Mantova, Il ruolo delle donne migranti per un progetto di inclusione

Erano presenti tanti operatori (insegnanti, operatori didattici, sociologi, ….)  che si occupano di intercultura, provenienti da tutta l’Italia e, contemporaneamente alla nostra,   si sono svolte altre sessioni teoriche e laboratori pratici, creando un eccezionale momento di condivisione e sinergia. Il nostro progetto ha suscitato molto interesse e curiosità, ha emozionato e anche commosso… Molti sono stati positivamente colpiti dal connubio Archeologia+sociologia, per lo sviluppo di un’attività esperienziale sull’inclusione…

Ecco un piccolo stralcio del nostro intervento (a breve verranno pubblicati gli Atti del Convegno):

[….] Per l’archeologo l’oggetto è uno degli obiettivi fondamentali della sua ricerca, attraverso di esso si racconta la storia del passato. Dietro all’oggetto, al reperto ritrovato, l’archeologo deve quindi immaginare la persona e la sua storia, interpretarne gli usi e i gesti, le parole e i movimenti, il contesto e la situazione che sono ad esso strettamente connessi. L’oggetto inanimato diventa quindi “animato”, nel senso che contiene l’anima della persona / delle persone che lo hanno utilizzato.

Per me quindi ogni oggetto “parla”, e in ogni oggetto cerco di sentire la “voce” del suo proprietario e capirne la sua storia. Restiamo molto sorpresi quando in contesti domestici o funerari di qualsiasi scavo archeologico, troviamo oggetti ad esempio che provengono dall’Oriente, dall’Africa, da terre remote, per loro dobbiamo quindi immaginare viaggi, spostamenti, commerci, rapporti “internazionali”, legami affettivi lontani, avventure lungo il mare e lungo strade terrene. Al reperto archeologico sono legate le persone che non ci possono attualmente parlare, ma che ci comunicano ancora qualcosa attraverso il loro “messaggero” che ha superato invisibili confini spaziali e temporali.

Adesso veniamo noi…

Ciò che è stato ideato nel nostro progetto UN MUSEO GRANDE COME IL MONDO, segue la stessa filosofia , ma qui l’oggetto è inteso in maniera differente, più profonda e l’obiettivo scientifico di di ricostruzione della storia diventa anche un obiettivo sociale di conoscenza, condivisione, rapporto, legame affettivo, integrazione e partecipazione della propria storia con quella dell’altro.

Ai bambini della scuola primaria SALVO D’ACQUISTO di Padova,  è stata data l’opportunità di raccontare loro stessi e la loro famiglia attraverso cose materiali e immateriali (canzoni, poesie, racconti, ….) della loro casa, dando loro anche l’opportunità di studiarle come reperti e documentarle scientificamente, costruendo il catalogo delle loro storie. Ognuno di loro attraverso il suo lavoro: di ricerca, descrizione, documentazione e allestimento ha partecipato alla costruzione del Museo delle loro vite, coinvolgendo ogni visitatore nella narrazione delle storie vissute da ogni famiglia, italiana o straniera. Una costruzione di storie create attraverso il confronto paritario, il rapporto uguale per tutti: oggetto/persona.

Annunci

3 pensieri su “UN MUSEO GRANDE COME IL MONDO AL CONVEGNO DI PIACENZA 21-23 OTTOBRE 2016

  1. Hi Madeleine,Thanks for delurking – I love your selection of Malles! I own none of them in FB, mainly because of their prohibitive costliness, but they are all *gorgeous*. Still scheming to acquire LPdT and LM My list of caiel-nvt-without is short; Guerlain Terracotta, Guerlain Attrape-Coeur, Chanel Cormandel, AG Songes, Chanel Cristalle edt. If funds were no issue I’d add By Kilian Rose Oud and PG Indochine

    Mi piace

  2. boa noite alesandro minha esposa foi chamada para asinar o contrato com a caixa neste dia 13 07 2010 nos logo que asinar o contrato nos queremos dar entrada nas papeladas no cartorio e na profeitura sera que voce poderia nos dar alguma orientasao como devo agir e aonde ir e como recorrer e quem procura nestes dois lugares e como obiter os descontos que voce falou se voce puder nos ajudar desde ja agradeso obrigado

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...